Visti gli ultimi cambiamenti climatici, usciamo di casa al mattino con il sole e al ritorno potremmo trovare una vera e propria alluvione.

Vogliamo darvi qualche consiglio per una guida in tutta sicurezza e con prudenza in caso di pioggia.

 

Come guidare in caso di pioggia

 

Con la pioggia si riduce l’aderenza alla strada

È necessario ridurre la velocità, fare molta attenzione all’accumulo d’acqua ai lati della strada, il famoso fenomeno dell’aquaplaning
Attenzione alle buche piene d’acqua, è impossibile prevederne la profondità!

 

Come guidare in caso di pioggia

 

 

Con la pioggia si riduce la visibilità

Il tergicristallo deve essere messo alla massima velocità e bisogna attivare il “clima” per ridurre il rischio che i vetri si appannino. Nel caso, deviare l’aria sul parabrezza (spesso esiste un tasto specifico) per ripulirlo alla svelta.

Come guidare in caso di pioggia

In presenza di pioggia battente o forti temporali che possano sovraccaricare i tergicristalli, riducendo molto la visibilità, è consigliata la sosta temporanea. Fermarsi, quando è possibile, in aree di servizio o di sosta e aspettare che passi la tempesta.
Nel caso non fossero disponibili aree di sosta, fermare il veicolo quanto più lontano dalla carreggiata e attivare le luci di emergenza per avvisare gli altri conducenti.

 

 

 

Con la pioggia aumentare la distanza di sicurezza

Bisogna aumentare la distanza di sicurezza e (come impone il codice per autostrade e strade principali) ridurre la velocità.

 

Con la pioggia tenere d’occhio i segnali stradali

Come guidare in caso di pioggia

Tenere d’occhio i segnali è d’obbligo quando si è alla guida. Attenzione, quindi, ai cartelli che avvisano di fondi sdrucciolevoli in caso di pioggia. E anche a quelli che annunciano cunette o sottopassi: sono le situazioni più a rischio di allagamento.

 

 

 

 

In caso di pericolo

È possibile che in presenza di pioggia battente, anche ai piloti più esperti possano perdere aderenza e possano sbandare. È necessario un po’di sangue freddo, non farsi prendere dal panico e una buona conoscenza della propria auto.

Se l’auto dovesse sbandare è indispensabile controllare la sbandata. In caso di sbandata sulle ruote posteriori, togliere il piede dall’acceleratore ed evitare la frenata, di abbassare la frizione e/o  di aggrapparsi al volante.

Girare molto lentamente, in modo da non generare una seconda sbandata, il volante nella direzione delle sbandata e allineare di nuovo le ruote. Dare gas con cautela evitando una sbandata nella direzione opposta a quella di origine. In caso si verifichi l’acquaplaning, non frenare o sterzare di colpo ma decelerare gradualmente finché non si ristabilisca aderenza tra pneumatico e strada.

Se fosse necessario frenare, farlo in modo graduale applicando leggere pressioni al pedale. Nelle vetture dotate di ABS la frenata può essere effettuato in modo classico, questo perché la centralina del veicolo azionerà un sistema che eviterà il bloccaggio delle ruote.

 

Mi raccomando ATTENZIONE!!!