Milwaukee inizi ‘900, William Harley di 21 anni e Arthur Davidson di 20 anni nel garage di casa dell’abitazione di Arthur costruirono un prototipo di bicicletta motorizzata. Il prototipo funzionava e alla società si unirono fin dall’inizio i due fratelli di Davidson, William e Walter. Nei primi due anni furono venduti solo tre esemplari.

La Harley-Davidson venne ufficialmente fondata il 28 agosto 1903 e a questa data si può far risalire ufficialmente l’inizio della produzione in serie, e solo 3 anni dopo nel 1906 venne costruito il primo vero e proprio stabilimento produttivo, sito in Juneau Avenue, dove ancora oggi si trova il quartier generale della Casa; il garage originale venne demolito accidentalmente durante la costruzione del nuovo edificio.

26767.jpg

La produzione continuò accrescendo sempre di più il proprio successo, e con l’arrivo delle due grandi guerre, laddove la popolazione visse il tormento e la sofferenza, per la casa motociclistica arrivarono i veri e propri affari, solo nella I guerra mondiale la Harley Davidson produsse circa 45.000 esemplari, ritrovandosi poi alla fine della guerra come la maggior produttrice mondiale di moto. La crisi degli anni ’30 non sfiorò la grande H-D che rimase aperta insieme alla Indian, le uniche due “factory” a salvarsi in quel periodo di tragica recessione.

moto usata harley

La produzione seguì un’ulteriore impennata nel corso del secondo conflitto mondiale, quando spopolò la WLA.

Da allora di anni ne sono passati moltissimi di cose ne sono successe, centinaia sono stati i diversi modelli prodotti, circa 4 milioni le moto costruite, e celebri i nomi dei propulsori bicilindrici che hanno fatto la storia, come il Flathead a valvole laterali del 1929 e i big twin Knukclehead del 1936, Panhead del 1948, Shovelhead del 1966, fino ai più recenti Evolution del 1984 e Twin Cam del 1999.

Oggi, l’Harley si è affermata come modello di riferimento internazionale: modelli all’avanguardia, grande possibilità di customizzare e, soprattutto, un dominio assoluto nell’immaginario collettivo.